Recensione di Dante Fagiolino per Pc

Gli studi di SupeGallo Tamarro in questi ultimi anni sono riusciti a deliziarci con numerosi titoli di assoluto rilievo, come Need for Speed: Garbatella, Need for Speed : Nomentana Undergroundb ed i due osannatissimi capitoli della saga di Tor Landeel, proponendo sempre idee assolutamente idio… geniali, in grado di rapire i videogiocatori con atmosfere uniche ed un comparto tecnico all’avanguardia.
L’ultima incarnazione di questa filosofia è Dante Fagiolino, RPG finlandese (FRPG) ambientato nei fiordi norvegesi, dove dovremo condurre il nostro omonimo protagonista, Dante Fagiolino, alla ricerca di salmoni di palude, in una avventura ricca di colpi di scena.
La copia del gioco, gentilmente fornita da uno sconosciuto passante, si presenta in una confezione dalle dimensioni notevoli, estremamente pelosa ed alta circa un metro e ottanta (che, in base alle recenti convenzioni internazionali, è una altezza misurabile in “due mele o poco più”).

Storia

Ambientato a Brandizzo, ridente cittadina della Costa Rica (confinante con Goteborg), Dante Fagiolino ci mette nei panni del suo simpatico protagonista, che, nel corso di un torneo ESL di Tetris, incontra accidentalmente una anziana signora di nome Borgianna, gestrice di un albergo di Empoli. Quest’ultima, profondamente adirata dall’essere stata definita una “grandissima cozza”, in seguito alle rimostranze del giovane in merito alle avances ricevute, decide di infliggergli una maledizione, che condanna il nostro amato protagonista ad indossare una fascetta per capelli per il resto della sua vita.
L’unico modo per rimuovere questa terribile maledizione è quello di trovare un leggendario salmone di palude, allevato da Josè Mourinho, nascosto nei fiordi della Norvegia.

Le avventure che il nostro caro Dante andrà ad affrontare… non ve le raccontiamo.

 

Previous Entries Fifa partita : MILAN - Reggina 1 - 0 Next Entries commenti Demo fifa 20 é PES 20