Recensione di Dante Fagiolino, fine

Gameplay

Dante Fagiolino è un tipico FRPG (genere nato in Finlandia grazie alla geniale intuizione di Mary Poppins), caratterizzato da un gameplay di stampo classico, fatto di continue cut-scenes interrotte saltuariamente da alcune fasi di gioco (che possono essere evitate premendo SKIP).
Nel corso dell’avventura potremo far salire di livello il nostro eroe, impiegando diversi oggetti, chiamati Banana Cristalli, che ci permetteranno di far evolvere il nostro PG, sino a raggiungere lo stadio ultimo, necessario per trovare il salmone di palude: il Dente, potentissima incarnazione della leggendaria ed omonima divinità vichinga, protettrice degli appassionati di odontoiatria.

Grafica

Caratterizzato da un comparto grafico all’avanguardia, Dante Fagiolino propone una inedita visuale in seconda persona che, assieme all’engine MiKoRe, deputato alla gestione del comparto grafico e della IA (acronimo di Intelligentissima Artificiale), riesce a mettere alla frusta l’hardware della ZarekStation 360 Mote, proponendo textures all’avanguardia e modelli poligonali incredibilmente definiti, con fondali realizzati in assonometria cavaliera.
Particolarissima l’IA di gioco, che propone un elevato realismo nell’interazione tra il protagonista ed i personaggi secondari, talmente ben realizzati da sembrare morti per davvero.

Online

Il videogame non possiede una modalità multiplayer, ma consente di “simulare” il gioco online. Infatti il protagonista, Dante Fagiolino, nel corso dell’avventura potrà connettersi al web tramite degli Internet point, a pagamento, permettendoci di giocare a Counterstrike senza doverlo pagare.

Conclusione

I SuperGallo Tamarro ancora una volta riescono a distinguersi grazie ad una originalità unica nel suo genere, ricca di forti elementi tipici dei famosi RPG finlandesi, un comparto tecnico di assoluto rilievo, in grado di sconfiggere nettamente il diretto concorrente, Pong, in ogni campo.

Previous Entries commenti Demo fifa 20 é PES 20 Next Entries Milan : Sono sempre i soliti nomi